Navigazione veloce

Progetto

Concorso indetto dal M.I.U.R.   e  dalla FONDAZIONE FALCONE

rivolto agli studenti delle Scuole  di ogni ordine e grado

Oggetto: 23 maggio 2013 – XXI Anniversario della Strage di Capaci. Bando di concorso:

“GEOGRAFIA E LEGALITA’” –  SCONFIGGERE LE MAFIE NELLA MIA REGIONE

E’ tempo di andare avanti non più confidando sull’impegno straordinario di pochi ma con l’impegno ordinario di tutti” 

G. Falcone

I.C. Mediglia

Classi 3A/3B/3C/3D

La “mano-ragno”, nera, insidiosa e sottile, nervosa, con dita che sembrano artigli mentre  tessono una fitta ragnatela su Milano imprigionando le guglie del Duomo….

 

e “la mano-bianca”, forte e sicura quando spezza l’inesorabile rete di intrighi e potere restituendo alla città il suo legittimo panorama.

 

Così abbiamo voluto simboleggiare graficamente la tematica indicata dal concorso di quest’anno ed il percorso seguito sul nostro territorio.

 

Un bene confiscato, sequestrato dalla DIA, appartenente ad un clan della mafia, diventerà centro diurno per ospitare bambini con disabilità autistiche.

Un lavoro che ha particolarmente coinvolto gli alunni che vivono il territorio, i docenti ma anche le istituzioni che hanno fornito materiale e documenti autentici.

 

La legge 109/96 è una vittoria dello Stato, però  da sola non basta. La mano-bianca non potrà allentare la presa finché in tutti noi non saranno radicati il rispetto delle leggi e i principi della Costituzione Italiana.

 Le insegnanti

 L. Ercoli      R. Esposito      P. Fregoni

Mediglia, 26 febbraio 2013

Nel CD multimediale inviato alla Fondazione il nostro messaggio contro le mafie ed ogni forma  di illegalità  si sviluppa attraverso:

  • la ricerca accurata degli eventi e stragi di mafia del 92 e degli accadimenti che si sono  succeduti
  • la mappatura delle mafie in Italia  con approfondimenti sulla loro presenza in Lombardi
  • la confisca di un bene della criminalità organizzata a Mombretto di Mediglia, che ha permesso di approfondire il D.leg.109/96,  fortemente voluto da LIBERA sul riutilizzo dei beni confiscati alla mafia a fini legali.
 
  • il nostro messaggio forte e chiaro  volto al cambiamento:

Nell’atrio della nostra scuola abbiamo un albero imponente, il nostro simbolo di legalità che  deve avere radici solide e profonde in ogni essere umano.

E’ ricco di foglie che contengono  i nostri lavori: pensieri, disegni, immagini,  desideri, foto, speranze. Alcune di esse racchiudono  le parole dei nostri Eroi, G. Falcone e P. Borsellino, esempi da seguire.

Ci ricordano, ogni giorno, che la legalità è trasparenza, accettazione del diverso, lealtà, sincerità, onestà, incorruttibilità, responsabilità.

La legalità è speranza di avere un futuro.

                               

Fortemente  convinti che la lotta per la legalità vada fatta coinvolgendo le nuove generazioni educandole sull’esempio di coloro i quali  hanno sacrificato la propria vita in nome di tali ideali, noi continueremo in questa direzione.

IL NOSTRO VIAGGIO CONTINUA .……. (abbiamo così intitolato il progetto per l’anno scolastico 2013-2014), proprio perché come affermava il Giudice Falcone: “Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini”.

 

 

Prof.  L.  Ercoli  e  R.  Esposito